Vercelli: denunciati due giovani di Novara, adottati due provvedimenti di divieto di accesso in discoteca

2' di lettura 29/04/2022 - Nello scorso fine settimana, in occasione della festività del 25 aprile, l’attività del personale delle volanti della Questura di Vercelli è stata particolarmente intensa con alcuni mirati interventi di controllo, nell’ambito di una attenta attività di prevenzione e repressione delle attività illecite.

In particolare nella notte tra il 24 ed il 25 aprile il personale di polizia procedeva, su segnalazione degli addetti alla sicurezza di un nota discoteca di Borgo Vercelli, al controllo di alcuni giovani avventori, notati con fare sospetto nell’area dei servizi igienici. Tre ragazzi venivano quindi trovati in possesso di modiche quantità di sostanza stupefacente, cocaina e hashish, detenute per uso personale. Gli stessi verranno quindi debitamente segnalati in via ammnistrativa alla competente Autorità prefettizia ai sensi dell’art 75 del D.P.R. 309/90, il testo unico sugli stupefacenti.

Contestualmente, svolti gli opportuni accertamenti e riscontri del caso, il personale della Polizia di Stato riusciva ad individuare altri due giovani, appena ventenni, della provincia di Novara i quali, poco prima, nel parcheggio del locale, avevano veduto la sostanza stupefacente.

Per questi due ragazzi, soggetti, trovati ancora in possesso di un piccola quantità di hashish che veniva sequestrata, è scattata la denuncia per spaccio alla competente Autorità Giudiziaria ai sensi dell’art 73 del testo unico sugli stupefacenti DPR 309/90.

Nei loro confronti, essendo soggetti noti alle Forze dell’Ordine, per aver commesso rilevanti reati come rapine a danno di coetanei ed i furti, in concorso tra loro e con altri giovani pregiudicati, spesso con modalità criminali che richiamano le baby gang, evidenziando già, malgrado siano molto giovani, quindi una rilevante pericolosità per il locale e gli altri avventori, il Questore di Vercelli ha emesso d’urgenza i provvedimenti amministrativi di divieto di accesso alla predetta discoteca ed alle relative immediate pertinenze (c.d. DACUR) per la durata di due anni.

Tali provvedimenti, la cui violazione comporta rilevanti conseguenze di carattere penale, costituiscono una tempestiva risposta alle esigenze di sicurezza dei locali di divertimento e di intrattenimento, finalizzata a garantire la sicurezza e l’incolumità di tutti gli altri avventori.






Questo è un articolo pubblicato il 28-04-2022 alle 12:42 sul giornale del 29 aprile 2022 - 108 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/c4m1





logoEV