GDF: peculato per 68.000 euro e danno erariale per 273.500 euro

2' di lettura 13/04/2022 - Costante l’azione delle Fiamme Gialle novaresi nella prevenzione e repressione di tutti gli illeciti economico finanziari sul territorio della Provincia, ivi comprese quelle condotte delittuose finalizzate allo sperpero di denaro pubblico, che, soprattutto in un momento di notevole crisi socio-economica a causa della pandemia, devono essere contrastate con determinazione.

In particolare la Guardia di Finanza di Borgomanero, coordinata dalla Procura della Repubblica di Verbania, ha svolto un’indagine nel settore della spesa pubblica, con particolare riferimento alla condotta di peculato tenuta da un funzionario di un Ente locale del territorio.

L’attività svolta è stata connotata da ampia trasversalità poiché ha consentito di stigmatizzare condotte di rilevanza penale ed i collaterali riflessi di responsabilità erariale. Dagli approfondimenti svolti emergevano numerose discrasie tra quanto esposto nella documentazione ufficiale del prefato Ente rispetto alle somme effettivamente riscosse per la gestione dei servizi pubblici. Nello specifico è emerso come il dipendente infedele avesse riscosso per anni in contanti gli importi delle sanzioni amministrative elevate, per un ammontare pari ad € 68.000. Scoperta la sua condotta illecita, l’indagato simulava un furto, asserendo di aver conservato il denaro in una valigetta, tuttavia senza che quel denaro fosse mai stato dichiarato nei rendiconti annuali.

Il funzionario pubblico infedele veniva, altresì, segnalato alla Corte dei Conti per aver procurato un danno erariale, complessivo, per un ammontare pari ad € 273.500. Collateralmente è stato avviato un controllo fiscale nei confronti del dipendente pubblico, poiché i proventi derivanti da reato avevano consentito allo stesso di incrementare il proprio patrimonio. Tali importi sono stati qualificati come “proventi illeciti” ex art. 14 della Legge 537/1993, procedendo alla relativa constatazione per il recupero a tassazione quali redditi diversi ex art. 67 del T.U.I.R.






Questo è un articolo pubblicato il 13-04-2022 alle 15:44 sul giornale del 14 aprile 2022 - 128 letture

In questo articolo si parla di cronaca, milano, lombardia, articolo, niccolò staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/c1ah





logoEV
qrcode