Nuova legge sul soccorso alpino

1' di lettura 21/07/2021 - “Viene così finalmente colmata la lacuna lasciata aperta dalla norma nazionale con l’introduzione di nuovi parametri di efficienza e coordinamento, e viene riconosciuta l’altissima professionalità degli operatori e dei volontari che agiscono nel contesto di soccorso sanitario in ambiente montano, ipogeo, impervio e ostile, d’intesa con il sistema di emergenza sanitaria territoriale 118 regionale”:

l’assessore regionale alla Sanità Luigi Genesio Icardi ha commentato così l’approvazione in Consiglio regionale della nuova legge sul soccorso alpino e speleologico.

Il testo riconosce il valore e promuove la funzione di servizio di pubblica utilità del Soccorso alpino e speleologico piemontese (Sasp) del Corpo nazionale del Soccorso alpino e speleologico (Cnsas), che è rivolta alla prevenzione e alla vigilanza degli infortuni nell'esercizio delle attività alpinistiche, escursionistiche e degli sport di montagna, di soccorso degli infortunati, di chi è in pericolo, dei dispersi e dei caduti nel territorio montano, nell'ambiente ipogeo e nelle zone impervie.

Definiti anche i rapporti con il Servizio sanitario e con la Protezione civile regionale e previsto che la Regione favorisca la dotazione di una rete radio tecnicamente aggiornata in grado di integrarsi con il 118.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-07-2021 alle 10:58 sul giornale del 22 luglio 2021 - 121 letture

In questo articolo si parla di attualità, piemonte, Regione Piemonte, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cbmC





logoEV